info@ilbrugnolo.it + 39 0522.983980

Food Valley Emilia Romagna: la terra del buon cibo

Food Valley Emilia Romagna: la terra del buon cibo

Un immenso giardino delle delizie, un crocevia in cui memoria, gusto e saper fare si incontrano

L'Emilia Romagna è celebre nel mondo per tante ragioni, dalla sua vocazione per le due e quattro ruote ai grandi personaggi come Pavarotti e il poeta Ariosto, dai divertimenti ai monumenti. Ma non si può dire Emilia senza che la mente corra alla tavola, alle trattorie e alle ricette che si tramandano di generazione in generazione da secoli, infatti, questa meravigliosa terra è famosa anche come Food Valley, un immenso giardino delle delizie, un crocevia in cui memoria, gusto e saper fare si incontrano.

Nelle province di Parma, e delle confinanti Piacenza, Reggio Emilia e Modena, grazie alla fertilità del suolo combinata ad antiche tradizioni e all’intraprendenza dell’uomo si concentrano oggi le principali produzioni di salumi tipici, formaggio Parmigiano Reggiano, pasta e conserve vegetali del Paese. Capitale indiscussa di questo territorio è senza dubbio Parma, dove sin dall’epoca romana i suoi prosciutti stagionati erano particolarmente apprezzati e in epoca alto-medievale i monaci Benedettini misero a punto il processo di produzione del più famoso dei formaggi, il Parmigiano Reggiano. A conferma della sua forte vocazione, Parma nel 2003 è stata scelta quale sede dell'EFSA, l'Authority Europea per la Sicurezza Alimentare.

L’Emilia Romagna è la prima regione in Europa per numero di prodotti Dop e Igp, i marchi di denominazione di origine protetta e indicazione geografica protetta attribuiti dall’Unione europea a garanzia della qualità. I suoi prodotti, ovunque simbolo del migliore made in Italy, sono quindi numerosi e tutti deliziosi, il più famoso dei quali è sicuramente il Parmigiano Reggiano, da nove secoli considerato il re dei formaggi, la cui zona di produzione comprende le province di Parma, Reggio Emilia, Modena, Bologna e Mantova. Un altro prodotto particolarmente famoso è l’Aceto Balsamico Tradizionale di Modena, il più pregiato, fatto solo con il mosto cotto d’uva, secondo un severo disciplinare di produzione, e invecchiato per anni. Assolutamente da provare anche: il Culatello di Zibello, indiscusso re dei salumi con la sua caratteristica forma a pera; e il Prosciutto di Parma, famoso per il suo aroma, l’alto valore nutrizionale e il suo sapore dolce.

Ma non finisce qui, infatti, vi sono altri prodotti meno famosi ma non per questo meno deliziosi, tra i quali si segnalano: l'Aceto Balsamico Tradizionale di Reggio Emilia, che non può avere meno di 12 anni di affinamento; la Coppa di Parma, che si distingue per il sapore tipico con il giusto grado di sapidità, per la sua omogeneità e magrezza; lo zampone di Modena, prodotto con cotenna e carne suina tritata, salata e speziata inserita nella pelle della zampa anteriore del suino; la ciliegia di Vignola, famosa per la sua consistenza esterna, ma dolce e fruttata all’interno; e le Amarene Brusche di Modena, la cui confettura è un prodotto che affonda le radici almeno al Rinascimento. Questi sono solo alcuni dei deliziosi prodotti che è possibile gustare in Emilia Romagna. Tra i vini spiccano: il Lambrusco, il vino rosso frizzante più famoso di tutta Italia, e forse del mondo intero; e il vino Spergola, tipico proprio della zona di Scandiano, le cui prime testimonianze scritte risalgono al XV secolo, quando fu citato da Bianca Cappello, Granduchessa di Toscana.

L’Emilia-Romagna è particolarmente ricca di Musei del Gusto, i quali offrono la possibilità di conoscere e scoprire i suoi tesori enogastronomici, eccellenze del territorio e non solo. Assolutamente da non perdere il Museo del Parmigiano-Reggiano a Soragna, che permette di conoscere meglio il grande patrimonio di arte e tradizione che si nasconde dietro una forma di Parmigiano. Un altro interessante museo dedicato al cibo è il Museo del Balsamico Tradizionale a Spilamberto, dove il visitatore può immergersi nel fascino dei profumi e dei gusti di questo straordinario prodotto. Tra gli altri Musei del Gusto si segnalano: il Museo della Pasta, ospitato nella Corte medievale di Giarola, che illustra la conoscenza storica, tecnologica e culturale della pasta; il Museo del Prosciutto di Parma a Langhirano, che guida alla scoperta dei "saperi" antichi che si nascondono dietro il suo sapore unico e inconfondibile; e il Museo della Salumeria a Castelnuovo Rangone, che presenta un percorso multisensoriale e multimediale ricco di storia, tecnica e passione.

Torna a...

Condividi sui social