info@ilbrugnolo.it + 39 0522.983980

Le panchine giganti - Big Bench in Emilia-Romagna

Le panchine giganti - Big Bench in Emilia-Romagna

Installazioni in grande scala posizionate in luoghi panoramici immersi nella natura.

Nel 2009 nasce l’iniziativa no profit Big Bench Community Project (BBCP), promossa dal designer americano Chris Bangle insieme alla moglie Catherine, che ha l'obiettivo di promuovere e sostenere le comunità locali, il turismo e le eccellenze artigiane dei paesi, in particolare località minori, attraverso la costruzione di panchine di grandi dimensioni (Big Bench). Queste installazioni fuori scala, che non sono altro che una riproduzione in grande scala delle classiche panchine dei giardini pubblici, sono posizionate in luoghi panoramici immersi nella natura da cui è possibile godersi la vista come se "si fosse di nuovo bambini". Infatti, il cambio di prospettiva dato dalle dimensioni della panchina fa sentire chi vi si siede come un bambino.

Collocate in punti facilmente accessibili a tutti, offrono un'esperienza unica, da condividere con gli altri. Sono fatte per rilassarsi e larghe abbastanza da accogliere più persone per regalare appunto un'esperienza collettiva. Per raggiungerle bisogna attraversare percorsi di breve durata spesso attraverso boschi e sono accessibili sempre quindi ogni stagione è buona per scoprirle. La prima grande panchina è stata realizzata nel 2010 a Clavesana in provincia di Cuneo, in Piemonte. Da allora ne è passato di tempo e le big bench sono ormai diffuse in tutta Italia.

Delle oltre 200 panchine installate ben 7 si trovano in Emilia-Romagna. La prima panchina gigante in Emilia Romagna (la numero 58) è stata installata nel 2018 a Castelnovo ne’ Monti (coordinate geografiche 44.43598, 10.48094), da cui è possibile ammirare non solo le vette reggiane ma anche il Cimone e la sottostante Valle del Secchia. La seconda panchina in Emilia Romagna (la numero 86) è stata installata nel 2019 sul monte della Croce a Ligonchio (coordinate geografiche 44.31953, 10.34137) e permette di godere di un paesaggio unico che spazia dalla valle dell’Ozola alla Pietra di Bismantova. Nel 2020 ne è stata installata una (la numero 93) a Baiso (coordinate geografiche 44.509954, 10.609982), sul poggio comunemente chiamato "la Balota", da cui si possono ammirare i calanchi, il Monte Cusna, il Cimone e l’Abetone. Sempre nel 2020 è stata installata una big bench (la numero 106) sul monte Malee, nel territorio del comune di Castellarano (coordinate geografiche 44.3398771, 10.5248208), che offre una vista a 360° sulla valle del Secchia e sui principali rilievi della zona. La quinta panchina (la numero 108) si trova invece sulla sommità del monte Pedrazzo, nel comune di Prignano sulla Secchia (coordinate geografiche 44.5330155, 10.7363124), da cui la vista spazia sull’Appennino reggiano e modenese. La sesta panchina in Emilia (la numero 195) è stata installata a San Cassiano (coordinate geografiche 44.444324, 10.602860), frazione del comune di Baiso, con un panorama a 360° che mostra l'Appennino Reggiano e Modenese, la Pianura Padana e le Pre Alpi venete. La settima panchina (la numero 203) si trova in via Castello c/o croce di Casalgrande (coordinate geografiche 44.57068, 10.71445), a pochi km da Scandiano, da cui si possono scorgere i Colli Euganei, Reggio Emilia, la Ghirlandina di Modena e addirittura il Santuario della Madonna di San Luca.

Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale di Big Bench Community Project.

Foto © Comune di Baiso

Torna a...

Condividi sui social