info@ilbrugnolo.it + 39 0522.983980

Museo del Salame di Felino

Museo del Salame di Felino

Narra del rapporto tra Felino ed il suo prodotto-simbolo, un autentico capolavoro dell’arte salumiera italiana.

Il Salame Felino, o meglio "di Felino", è un salume di suino prodotto storicamente nell’omonimo Comune della Val Baganza e in alcuni comuni  limitrofi, come Sala Baganza e Langhirano, tutti in provincia di Parma. A questo delizioso salame è dedicato un museo, il Museo del Salame di Felino, ospitato nelle cucine e dispense alimentari del Castello di Felino, l’antico maniero che domina la vallata fra i torrenti Parma e Baganza.

Felino è un suggestivo borgo immerso tra i dolci rilievi della valle del torrente Baganza che deve la sua fama proprio alla produzione del celebre ed omonimo salame. Felino fu il più antico centro di produzione salumiera di tutta la provincia di Parma, a cui si aggiunsero successivamente altri borghi come San Secondo, Langhirano e Zibello. Come un tempo, ancora oggi questo gustosissimo salame viene realizzato ad arte da esperti Mastri Salumai.

Con questo interessante museo Felino rende omaggio al suo "figlio" più amato, il cui nome quindi non ha nulla ha che fare con i felini. Considerato un po' da tutti come un autentico capolavoro dell’arte salumiera italiana, il Salame Felino vanta addirittura ascendenze etrusche. Questa specialità è il frutto dell’unione sapiente delle migliori carni suine con le particolari condizioni microclimatiche del luogo. Dopo un percorso lungo e complesso, la Comunità Europea ha insignito il Salame Felino del riconoscimento IGP.

La sede del museo, l'incantevole Castello di Felino, sorge su un poggio isolato, in posizione panoramica e strategica. Fu costruito nell'890 dal Nobile Marchese Luppone anche se le prime testimonianze risalgono al XII secolo e più precisamente al 1140, quando la badessa Agnese riuscì a recuperare i propri diritti su una Cappella compresa entro le mura del Castrum Filini. Ampliato e fortificato nei secoli seguenti, il castello oggi è visitabile solo parzialmente: mura esterne, corte e sotterranei.

Situato a poco più di 40 km dal nostro agriturismo, il museo fa parte dei Musei del Cibo della Food Valley e narra del rapporto tra il territorio ed il suo prodotto-simbolo, a partire dalla qualità delle materie prime fino alla sapienza delle mani che continuano a lavorarlo. Il percorso espositivo è suddiviso in cinque sezioni: la prima è dedicata alle testimonianze storiche; la seconda presenta l’impiego gastronomico del salame a Parma; la terza è dedicata a norcineria e produzione casalinga dell’insaccato; la quarta presenta la tecnologia di produzione dalle origini al periodo pre-industriale; e la quinta è riservata alla commercializzazione.

Al suo interno sono custoditi diversi oggetti appartenuti a norcini e a famiglie contadine, tra cui: un tritacarne trasportabile a spalla (masnén par la cärna) risalente al 1940 circa; un trogolo (älbi) del 1920 al cui interno si versava la ‘broda’ del maiale; e una macina pepe (maznén da pevor) del 1925 circa.

Per maggiori informazioni visita il sito ufficiale del Museo del Salame di Felino.

Torna a...

Condividi sui social